Subscribe

RSS Feed (xml)



Powered By

Skin Design:
Free Blogger Skins

Powered by Blogger

lunedì 18 maggio 2009

Scarlattina e bambini

Avendoci avuto a che fare in maniera indiretta, mi son documentato un poco sulla scarlattina per capirne qualcosa di piu'.

La scarlattina e' una malattia causata dai batteri streptococchi beta-emolitici del gruppo A ed e' stata chiamata cosi' poiche' l'eruzione cutanea che viene causata dai batteri e' di colore scarlatto.

L'eruzione cutanea della scarlattina si manifesta solo su alcuni bambini, quelli che sono particolarmente sensibili alla tossina che viene generata dal batterio streptococco del gruppo A, i bambini che non sono sensibili alla tossina non verranno ricoperti dalle eruzioni cutanee tipiche della scarlattina.

Solitamente i piu' colpiti sono i bambini che vanno dai 2 ai 10 anni d'eta'.

La malattia puo' manifestarsi con febbre oltre i 38.5 gradi che dura all'incirca dai 3 ai 5 giorni, brividi, cefalea, mal di gola, dolori muscolari, nausea e vomito.

L'eruzione cutanea della scarlattina appare dopo un paio di giorni dai primi sintomi ed inizialmente colpisce viso e collo, si estende successivamente sul petto e sulla schiena e quindi sul resto del corpo.
Possono anche comparire delle macchie rosse sul palato e puntini rossi sulla lingua.

L'eruzione cutanea puo' generare un prurito decisamente fastidioso quindi come per la varicella si consiglia sempre di tagliare le unghie dei bimbi colpiti dalla scarlattina, onde evitare che si facciano del male producendosi delle lacerazioni cutanee.

L'eruzione cutanea tende a concludere il suo ciclo all'incirca al sesto giorno dalla sua comparsa lasciando il posto a delle crosticine.

Si consiglia di chiamare il proprio medico per far visitare il bimbo colpito dalla scarlattina, il medico puo' decidere di prescrivere un trattamento antibiotico di circa 10 giorni per curare l'infezione.

La scarlattina puo' essere contagiosa sia per vie aeree (starnuti, tosse) che per contatto.
L'igiene delle mani di chi cura il bambino e di chi gli vive accanto e' il modo migliore per scongiurare il contagio da scarlattina, oltre naturalmente all'evitare di usare gli oggetti, piatti e bicchieri che vengono usati dal malato.

Solitamente al malato di scarlattina si consiglia di bere molto e gli si danno pasti formati da alimenti morbidi, poiche' il mal di gola che accompagna l'infezione rende dolorosa la deglutizione.

Fortunatamente la scarlattina non e' pericolosa per le donne nel periodo della gravidanza e non v'e' rischio di malformazioni del feto, anche se in caso di contatti con persone malate si consiglia sempre di informare il proprio ginecologo.


Altri siti che parlano della scalattina:

- Scarlattina su Farmaco e Cura
- su Amicopediatra.it
- su wikipedia.it
- su MammaePapa.it


Post su altre malattie:

- varicella
- Morbillo
- Otite
- Aerosol
- Vaccinazioni

2 commenti:

mirko ha detto...

benedetta l'ha presa a 4 anni, e la pediatra ha sconsigliato di farla fare anche a beatrice perchè troppo piccola (ne aveva 1),che se l'è risparmiata (per quella volta)prendendo un farmaco inibitore.
la paura è stata che lisa aspettava angelica da 1 mese, ma il ginecologo ci ha rassicurato...........

2Gemelle ha detto...

immagino lo spavento, anche se la scarlattina fortunatamente sembra non essere pericolosa per le donne in dolce attesa