Subscribe

RSS Feed (xml)



Powered By

Skin Design:
Free Blogger Skins

Powered by Blogger

mercoledì 2 settembre 2009

Influenza A/H1N1, cosa fare? Vaccinare i bambini?

Se qualcuno/a di voi ha le idee chiare su come affrontare il virus dell'influenza A/H1N1, per favore alzi la mano.
Anzi no, mi mandi un'email con le istruzioni per l'uso che è meglio!

Questa mia considerazione scaturisce dal "via-vai" di notizie che oramai da qualche giorno si leggono e si sentono in radio e TV, e pure su internet come per esempio sul portale dei Bambini a Bergamo.
Notizie spesso contradditorie tra di loro.

Per prima cosa mi viene il dubbio che anche i più grandi esperti c'abbiano capito poco di questo virus.

Quando la storia cominciò, mesi addietro, venne dipinta come un'imminente apocalisse: per esempio non si poteva più andare in Messico perchè là il virus mieteva morti a dozzine, ed infatti alcuni miei colleghi messicani mi dissero all'epoca che la nostra azienda aveva chiuso gli uffici esortandoli a lavorare da casa.

Obama disse che avrebbe ordinato milioni di vaccini per salvare gli States ma poi, magicamente, l'attenzione attorno a questa prevista pandemia scemò, un pò come accadde pochi anni fa per il virus dell'aviaria (ricordate, tutti quei volativi infetti che avrebbero portato il virus in tutto il mondo...).

Ora, l'influenza A/H1N1 (in origine influenza suina, ma i poveri maiali non c'entravano nulla...) è ritornata in auge.
Da qualche giorno si susseguono le notizie: il vaccino c'è ma non è pronto perchè è in fase di sperimentazione; le scuole non apriranno come previsto ma poi ci dicono di sì, però potrebbero venir chiuse in seguito.

Oggi durante l'ora di pranzo il culmine, a Studio Aperto (e non poteva accadere diversamente): viene data la notizia in anteprima della prima vittima causata da questo virus in Italia, un 51enne ricoverato in un'ospedale di Napoli.
Dopo pochi minuti sarà lo stesso ospedale a smentire la morte del paziente.

Insomma, le mie impressioni su tutta questa vicenda sono:
- i mass-media come al solito hanno dapprima creato troppa apprensione con notizie catastrofistiche, poi dimenticato il caso salvo riportarlo in auge adesso, sul finire dell'estate;
- i governanti di tutto il mondo mi sembra c'abbiano capito poco poco pure loro: forse prima di rilasciare delle dichiarazioni in merito avrebbero dovuto ascoltare qualche luminare "lontano" dagli influssi delle case farmaceutiche, le quali prevedo si arricchiranno non poco con questa vicenda;
- sembrerà fantascienza, ma mi viene il dubbio che dietro questo virus ci siano proprio loro... che ne pensate???
- ci mancava solo il virus dell'influenza A a coronare l'inizio di quest'anno scolastico, il primo per la nostra principessa e più in generale uno dei più difficili degli ultimi anni;
- pensate davvero che questo leitmotiv durerà fino alla prossima primavera, quando secondo gli attuali piani tutte le vaccinazioni saranno completate? Oppure, nuovamente, questo virus verrà dimenticato dai mass-media?

4 commenti:

TuttoDoppio ha detto...

Stamattina ne parlavamo all'asilo, son tutti in preda al panico.
Io non la faccio neanche se mi obbligano (i miei figli men che meno).
Sono per la teoria del complotto delle case farmaceutiche, io...

supertri ha detto...

Partendo dal presupposto che si tratta di un'influenza del tutto simile alla "comune" influenza ma solo più contagiosa (ovvero che si trasmette più rapidamente), io quoto TuttoDoppio e ti consiglierei di comportarti come hai sempre fatto con le altre influenze.
Io non credo che vaccinerò Eddie - però lui ha già 4 anni e una salute molto buona.
Per mia esperienza di "insider" del settore farmaceutico e affini esiste una buona dose di speculazione..
Poi se la stampa ci mette il carico da 11..

beba ha detto...

Io credo che stiano riuscendo a confonderci un po'...
Ed è lecito che, di fronte alla confusione, ci si ponga la domanda se sia il caso di proteggere i nostri figli.
Io credo che, come tutte le vaccinazioni influenzali, per ricevere il patogeno parzialmente attenuato sia meglio per i nostri figli, (a meno che non ci siano problemi di immunodepressione e allora in quel caso forse sarebbe adeguato proteggerli sempre sotto parere medico)lasciare che il loro sistema immunitario faccia il suo lavoro di difesa...

diana ha detto...

io non vaccinerò ne me ne i miei figli....tutti i morti elencati avevano tanti di quei problemi di salute che magari son morti per quello.
che nei paesi sottosviluppato si muoia di influenza ne son certa....perché non dicono quanti ne muoiono per polmonite o altro.....
C'è nell'aria da un po' di tempo di togliere tutte le vaccinazioni e di farle diventare facoltative.....i dubbi sull'onestà degli organi del servizio sanitario e dei mass media...bhè ce l'ho sempre avuto??!!